Donna musulmana con la foto

Com’è una brava donna? Lo decide l’Imam

Video chat sesso dal vivo con le ragazze 18 non liberi

La storia della donna nell'Islam è definita tanto dai testi islamici, quanto dalla storia e cultura del mondo musulmano. Gli interpreti dei testi giuridici islamici hanno diversi giudizi circa l'interpretazione delle norme religiose sulla condizione della donna.

Secondo i più conservatori, le differenze tra uomo e donna sono dovute a un diverso status e responsabilità dei due [3]mentre il liberalismo musulmanoil femminismo islamico e altri gruppi hanno argomentato a favore di interpretazioni egualitarie. La condizione della donna nell'Islam, circa i ruoli e le responsabilità delle donne all'interno delle società di cultura prevalente musulmana, dipende grandemente da paese a paese.

I paesi a maggioranza musulmana concedono alla donna vari gradi di diritti riguardo a matrimonio, divorzio, diritti civili, status legale, abbigliamento e istruzione, in base a diverse interpretazioni della dottrina islamica e dei principi di laicità. Tali paesi presentano alcune donne in alte posizioni politiche, e hanno eletto diversi capi di Stato donna per esempio Benazir Bhutto in Pakistan.

Numerosi sono i passi del Corano che fanno riferimento alla condizione femminile. Secondo alcuni, tale Donna musulmana con la foto enuncerebbe il principio di superiorità dell'uomo sulla donna. Secondo altri, esso si limita a enunciare che agli uomini è dato l'obbligo di provvedere al sostentamento economico della famiglia, mentre alle donne è Donna musulmana con la foto la casa.

Precedentemente infatti si dice IV, 19 :. Non vi è lecito essere eredi Donna musulmana con la foto proprie mogli contro la loro volontà. La donna, finché rimane in famiglia, è sottoposta all'autorità del padre e dopo, quando si sposa, passa sotto l'autorità del marito. Le fonti coraniche circa il diritto ereditario riportano una situazione di disparità. Nella medesima sura "delle donne", è infatti detto in merito all'eredità ai figli " Iddio vi raccomanda di lasciare al maschio la parte di due femmine ".

La poligamia è lecita e prevista dal Corano per gli uomini Sura "delle donne", versetto 3 con la limitazione se temete di non essere giusti con loro sposatene una sola o le ancelle in vostro possesso e al massimo quattro mogli. Questa limitazione ha indotto alcuni commentatori modernisti ad affermare che, poiché è impossibile essere giusti con più di una donna come è detto nella stessa sura al versetto la poligamia è virtualmente illecita.

Della stessa sura si dice se alcune delle vostre donne avranno commesso atti indecenti Donna musulmana con la foto quattro Donna musulmana con la foto contro di loro, e se questi porteranno testimonianza del fatto, chiudetele in casa fin che non le coglierà la morte o fin quando Dio apra Donna musulmana con la foto una via. Dai commentatori questa punizione s'intende abrogata dal v. Nella sura "della Luce" il v. Secondo un'usanza che è precedente al Corano, questo versetto proibirebbe alle donne di mostrare il volto e quindi avrebbe giustificato nei tempi passati l'esistenza dei ginecei harem in cui erano rinchiuse le donne, custodite nel caso di personalità di grande ricchezza, da guardiani eviratinonché l'uso oggi in certi Stati islamici di vesti che coprono interamente il viso.

Circa l'obbligo di portare il velo e coprire il volto non c'è alcun versetto che lo prescriva espressamente, e nemmeno il v. Circa il divieto di battere i piedi forse ci si riferisce alla non liceità del ballo per le donne musulmane, o più semplicemente il divieto di far notare l'avere delle cavigliere preziose battendo i piedi costume arabo preislamico.

Sono infine frequenti le raccomandazioni ai mariti di trattare con gentilezza e giustizia le loro mogli anche nei rapporti sessuali, in caso di poligamia. E i loro sposi avranno priorità se, volendosi riconciliare, le riprenderanno durante questo periodo. Esse hanno diritti equivalenti ai loro doveri, in base alle buone consuetudini, ma gli uomini sono superiori.

Allah è potente, Donna musulmana con la foto saggio. Nel costume arabo pre-islamico, la donna era considerata parte dell'eredità del defunto. L'erede poteva sposarla, darla in moglie a un terzo, lucrare la sua dote, tenerla nella propria dimora in condizioni di semi-schiavitù.

Se le vostre donne avranno commesso azioni infami, portate contro di loro quattro testimoni dei vostri. E se essi testimonieranno, confinate quelle donne in una casa finché non sopraggiunga la morte, o Allah apra loro una via d'uscita. O voi che credete, non vi è lecito ereditare dalle mogli contro la loro volontà. Non trattatele con durezza nell'intento di riprendervi parte di quello che avete loro donato, a meno che abbiano commesso una palese infamità.

Nell'uso preislamico, la moglie ripudiata era obbligata a pagare all'erede un indennizzo per potersi sposare nuovamente. In base al verso 19, le scuole coraniche hanno ritenuto che il divorzio contro compenso Khul' sia lecito nei casi di "palese infamità", quali: adulterioinsubordinazioneostilità [4]. Il verso 15 della Sura IV, in combinato con il verso 2 della Sura XXIV è stato interpretato dalle quattro scuole canoniche di coranico come legittimante la pena di morte mediante lapidazioneseppure in casi limitati e circoscritti.

Negli altri casi, era prevista la fustigazione con frustate [4] :. La nozione di fornicazione az-zina è più ampia di quella di adulterio in arabo az-zaniyyatu wa 'z-zani poiché la prima ricomprende qualsiasi rapporto sessuale omo o eterosessuale al di fuori del matrimonio, anche da parte di persone non sposate al momento dell'atto. Bayad suona l' oud tra le ragazze; Manoscritto arabo del XII secolo. Nel mondo islamico le donne non sono ugualmente discriminate in tutti i Paesi, per cui parlando dei diritti delle donne islamiche occorre precisare a quale piano ci si riferisca, se teorico-religioso o pratico-politico, e a che paese si faccia riferimento.

La sensibilità maschile è tutta esteriore, proiettata in un ambito extrafamigliare che tende a diventare pubblico e politico. Altri progetti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Reindirizzamento da Storia della donna nell'Islam. Questa sezione è ancora vuota. Aiutaci a scriverla! Donna beduina della Siria Rawya Ateya Donna musulmana con la foto Bhutto. Sheikh Hasina. Shirin Ebadi. Rania di Giordania. Megawati Sukarnoputri. La neutralità di questa voce Donna musulmana con la foto sezione sull'argomento religione è stata messa in dubbio.

Motivo : una sola opinione citata, per giunta molto interpretativa, su un argomento suscettibile di fraintendimenti. Sarebbe bene citarne almeno un'altra differente Per contribuire, correggi i toni enfatici o di parte e partecipa alla discussione. Non rimuovere questo avviso finché la disputa non è risolta. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento. URL consultato il 7 settembre archiviato dall' url originale il 21 agosto URL consultato il 2 gennaio Altri progetti Wikiquote Wikimedia Commons.

Portale Islam : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di islam. Categoria : Condizione femminile nell'islam. Categorie nascoste: Voci con modulo citazione e parametro pagine Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive Donna musulmana con la foto sezioni - argomento sconosciuto Informazioni senza fonte Voci non neutrali - religione Voci non neutrali - giugno Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra.

Namespace Voce Discussione. Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia. In altri progetti Wikimedia Commons Wikiquote. Il Donna musulmana con la foto è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo ; possono applicarsi condizioni ulteriori.

Vedi le condizioni d'uso per i dettagli. Corano, Sura IV, vv. Simbolo dell'uguaglianza di genere.